Come ho già scritto, io sono contrario alle ingiustizie. Sono diventato un vero fan di Michael Jackson in realtà solo poco prima dell’inizio del processo, quando ho capito che era innocente e era quindi vittima di ingiustizie. In tanti tentano di demolirlo, ma ieri ho notato che non è l’unica persona famosa a subire tali soprusi.
Michael Schumacher dall’inizio è stato criticato da tanti perché si diceva che non vinceva per abilità sua ma per la macchina. Ma all’inizio la Ferrari non era ancora tanto superiore alle altre scuderie. Era alla pari con la Mclaren, anzi i compagni di squadra di Schumacher (Irvine, Barrichello) hanno lottato alla pari con le altre scuderie anche quando Schumacher era ormai padrone incontrastato delle piste. Ora che la macchina non funziona, viene criticato perché non vince. E’ indubbiamente il miglior pilota del mondo, ma ovviamente senza macchina non può vincere niente.
Valentino Rossi è un campione incontrastato, e anche sull’enciclopedia è stato scritto che è il migliore almeno dei nostri tempi. Eppure proprio ieri un mio amico ha preso le parti di quelle persone ignoranti e invidiose che criticano questi grandi campioni qualunque cosa succeda. Anche per Valentino Rossi è stato detto che non vince per bravura, ma solo per merito della moto. In realtà si diceva questo quando stava sulla Honda e vinceva tutto. Lo hanno venduto perché dicevano che era la moto ad essere forte, così Rossi è passato alla Yamaha, considerata uno schifo rispetto alla Honda. Dal primo anno Rossi è riuscito a vincere il mondiale, anche se era finito in una squadra inferiore. Questa dovrebbe essere una prova schiacciante della superiorità del motociclista, eppure ho sentito dire che è sempre la moto che è decisiva, perché in un anno sono riusciti a dare a Rossi una moto superiore. Ma gli altri team non hanno lavorato alle loro moto? Non era la Honda ad essere superiore? Anche per Rossi si è presentata la stessa situazione di Schumacher: è ovvio che la macchina o la moto deve reggere e deve permettere di vincere senza rompersi a metà strada, eppure anziché dare il merito al pilota e al motociclista per le vittorie, gli invidiosi danno il merito al mezzo, anche se è evidente che non era competitivo finché non c’è stato l’arrivo di questi due miti.
Lo stesso amico aveva preso posizione anche contro Baggio, che negli ultimi anni aveva avuto prestazioni eccezionali, ma che Trapattoni non ha voluto in nessun caso convocarlo. Il Brescia dipendeva strettamente da Baggio, grazie a lui sono riusciti a restare in serie A per 5 anni, ma appena si è ritirato Baggio il Brescia è subito finito in serie B. Anche questa dovrebbe essere una prova della grandezza di questo calciatore, che da solo riusciva a decidere le sorti di una squadra. Le sue giocate erano ammirate in tutto il mondo, ma come è stato detto anche alla Domenica Sportiva, Trapattoni e una parte di quelle persone invidiose del successo dei meritevoli, criticavano Baggio dicendo che ormai era vecchio per la nazionale. L’ultimo anno si disse che ormai doveva ritirarsi quindi era inutile portarlo all’europeo. Insomma tutte giustificazione stupide per una scelta che nessuna persona sana di mente avrebbe mai potuto prendere.
Restando in ambito calcistico, all’europeo Beckham ha sbagliato un rigore e la palla è andata alta. Beckham ha dichiarato che il terreno era instabile. Finita la partita in tv c’è stato l’approfondimento e Mazzocchi ha mostrato un’inquadratura in cui si vede chiaramente che Beckham mette il piede d’appoggio vicino al pallone e questo si solleva perché il terreno era davvero instabile. Beckham quindi ha colpito un pò di terra e ha preso il pallone da sotto facendolo finire troppo alto. Tutti i giornali lo hanno criticato, hanno preso in giro le sue dichiarazioni creando anche vignette sull’accaduto. Ma ragionando un attimo si può notare che tutti quelli che sono andati a battere il rigore dopo di lui saltavano sul dischetto anche con due piedi per appiattire il terreno. Beckham aveva sbagliato il rigore perché era stato il primo a calciarlo e quindi non sapeva che c’era quel problema. Eppure anche Mazzocchi nelle trasmissioni successive ha preferito tacere e permettere le battute e le prese in giro da parte di Linus e di altri.
Io cerco sempre di schierarmi dalla parte del giusto e critico le persone che non vogliono riconoscere l’evidenza e la verità, purtroppo tante persone fanno come il mio amico, che si è schierato proprio dalla parte di tutti quegli invidiosi prendendo la posizione sbagliata in tutti i casi da me elencati.
Anche riguardo l’Euro, la moneta unica che ha dato un grande segnale di pace e unione tra i popoli è stata criticata dal mio amico comunista. Dice che i prezzi sono aumentati perché non ci sono dei regolamenti, invece i regolamenti ci sono, era stata anche creata un’organizzazione di controllo dei prezzi, ma una volta cambiato il governo è finita sotto il controllo di una persona che è stata anche condannata per vari reati. In più senza l’euro la nostra economia, già in crisi così, sarebbe proprio sprofondata e ora staremmo tutti in mezzo a una strada. E’ strano che io debba difendere la moneta unica con un comunista, eppure anche in questo caso si è schierato con la parte della gente che non approfondisce le notizie e crede di poter criticare anche se non sa come stanno i fatti.

Annunci