Home

5 commenti

Un ringraziamento a Raspin per il suo sostegno, a me e a Michael.

Comunque, la nuova opera di Jackson, "The Essential Michael Jackson" di cui ho parlato in precedenza, ha raggiunto i vertici delle classifiche inglesi. L’Inghilterra è la patria del pettegolezzo (vedi "Sun"), però forse MJ lì è ancora amato. Credo che, a differenza degli USA, MJ è ancora popolarissimo e risquote grande interesse non solamente per i pettegolezzi su stranezze neanche appurate.

Il cofanetto è primo nella classifica dei Migliori Album R&B, e secondo nella classifica dei Migliori Album, ma è appena entrato quindi potrebbe recuperare anche un’altra posizione…

Migliori Album R&B

BBC website

Migliori Album

BBC website

Chi fosse interessato a vedere le classifiche intere, queste immagini sono state prese dal sito della BBC, ecco il link: http://www.bbc.co.uk/radio1/chart/rnbalbums.shtml

Annunci

7 commenti

Come ho già scritto, io sono contrario alle ingiustizie. Sono diventato un vero fan di Michael Jackson in realtà solo poco prima dell’inizio del processo, quando ho capito che era innocente e era quindi vittima di ingiustizie. In tanti tentano di demolirlo, ma ieri ho notato che non è l’unica persona famosa a subire tali soprusi.
Michael Schumacher dall’inizio è stato criticato da tanti perché si diceva che non vinceva per abilità sua ma per la macchina. Ma all’inizio la Ferrari non era ancora tanto superiore alle altre scuderie. Era alla pari con la Mclaren, anzi i compagni di squadra di Schumacher (Irvine, Barrichello) hanno lottato alla pari con le altre scuderie anche quando Schumacher era ormai padrone incontrastato delle piste. Ora che la macchina non funziona, viene criticato perché non vince. E’ indubbiamente il miglior pilota del mondo, ma ovviamente senza macchina non può vincere niente.
Valentino Rossi è un campione incontrastato, e anche sull’enciclopedia è stato scritto che è il migliore almeno dei nostri tempi. Eppure proprio ieri un mio amico ha preso le parti di quelle persone ignoranti e invidiose che criticano questi grandi campioni qualunque cosa succeda. Anche per Valentino Rossi è stato detto che non vince per bravura, ma solo per merito della moto. In realtà si diceva questo quando stava sulla Honda e vinceva tutto. Lo hanno venduto perché dicevano che era la moto ad essere forte, così Rossi è passato alla Yamaha, considerata uno schifo rispetto alla Honda. Dal primo anno Rossi è riuscito a vincere il mondiale, anche se era finito in una squadra inferiore. Questa dovrebbe essere una prova schiacciante della superiorità del motociclista, eppure ho sentito dire che è sempre la moto che è decisiva, perché in un anno sono riusciti a dare a Rossi una moto superiore. Ma gli altri team non hanno lavorato alle loro moto? Non era la Honda ad essere superiore? Anche per Rossi si è presentata la stessa situazione di Schumacher: è ovvio che la macchina o la moto deve reggere e deve permettere di vincere senza rompersi a metà strada, eppure anziché dare il merito al pilota e al motociclista per le vittorie, gli invidiosi danno il merito al mezzo, anche se è evidente che non era competitivo finché non c’è stato l’arrivo di questi due miti.
Lo stesso amico aveva preso posizione anche contro Baggio, che negli ultimi anni aveva avuto prestazioni eccezionali, ma che Trapattoni non ha voluto in nessun caso convocarlo. Il Brescia dipendeva strettamente da Baggio, grazie a lui sono riusciti a restare in serie A per 5 anni, ma appena si è ritirato Baggio il Brescia è subito finito in serie B. Anche questa dovrebbe essere una prova della grandezza di questo calciatore, che da solo riusciva a decidere le sorti di una squadra. Le sue giocate erano ammirate in tutto il mondo, ma come è stato detto anche alla Domenica Sportiva, Trapattoni e una parte di quelle persone invidiose del successo dei meritevoli, criticavano Baggio dicendo che ormai era vecchio per la nazionale. L’ultimo anno si disse che ormai doveva ritirarsi quindi era inutile portarlo all’europeo. Insomma tutte giustificazione stupide per una scelta che nessuna persona sana di mente avrebbe mai potuto prendere.
Restando in ambito calcistico, all’europeo Beckham ha sbagliato un rigore e la palla è andata alta. Beckham ha dichiarato che il terreno era instabile. Finita la partita in tv c’è stato l’approfondimento e Mazzocchi ha mostrato un’inquadratura in cui si vede chiaramente che Beckham mette il piede d’appoggio vicino al pallone e questo si solleva perché il terreno era davvero instabile. Beckham quindi ha colpito un pò di terra e ha preso il pallone da sotto facendolo finire troppo alto. Tutti i giornali lo hanno criticato, hanno preso in giro le sue dichiarazioni creando anche vignette sull’accaduto. Ma ragionando un attimo si può notare che tutti quelli che sono andati a battere il rigore dopo di lui saltavano sul dischetto anche con due piedi per appiattire il terreno. Beckham aveva sbagliato il rigore perché era stato il primo a calciarlo e quindi non sapeva che c’era quel problema. Eppure anche Mazzocchi nelle trasmissioni successive ha preferito tacere e permettere le battute e le prese in giro da parte di Linus e di altri.
Io cerco sempre di schierarmi dalla parte del giusto e critico le persone che non vogliono riconoscere l’evidenza e la verità, purtroppo tante persone fanno come il mio amico, che si è schierato proprio dalla parte di tutti quegli invidiosi prendendo la posizione sbagliata in tutti i casi da me elencati.
Anche riguardo l’Euro, la moneta unica che ha dato un grande segnale di pace e unione tra i popoli è stata criticata dal mio amico comunista. Dice che i prezzi sono aumentati perché non ci sono dei regolamenti, invece i regolamenti ci sono, era stata anche creata un’organizzazione di controllo dei prezzi, ma una volta cambiato il governo è finita sotto il controllo di una persona che è stata anche condannata per vari reati. In più senza l’euro la nostra economia, già in crisi così, sarebbe proprio sprofondata e ora staremmo tutti in mezzo a una strada. E’ strano che io debba difendere la moneta unica con un comunista, eppure anche in questo caso si è schierato con la parte della gente che non approfondisce le notizie e crede di poter criticare anche se non sa come stanno i fatti.

1 commento

Alla libreria di Roma Termini ho scoperto che è in vendita una pubblicazione, Editorial La Mascara, collana Immagini del rock (10€), interamente dedicato a MJ. In realtà dovrebbe essere stato pubblicato negli anni ’90, forse nel ’95 o dopo, ma comunque già all’epoca svelava il motivo per cui sono iniziate le accuse false di molestie sessuali.

Da bambino, già a 9 anni ha cominciato a fare concerti e tours con i Jackson 5, così gli è stata tolta l’infanzia. Ha una fissazione per Peter Pan, ed è comprensibile, e vuole che almeno gli altri bambini vivano l’infanzia che lui non ha potuto avere. Così ha creato il parco di divertimenti di Neverland. Un giorno ha conosciuto una donna che gli ha rivelato di avere un figlio che scrisse una lettera a Michael quando ebbe il famoso incidente per pubblicizzare la Pepsi. Michael volle conoscere la famiglia, e iniziarono a frequentarsi. MJ ospitò il bambino, la sorellina e i genitori nel ranch, li portava con sè ai concerti. Finché il padre legittimo del bambino (che non si era mai interessato ai figli), forse per gelosia per il rapporto instauratosi tra MJ e il figlio, organizzò un incontro in cui accusò MJ di molestie sessuali sul figlio. Un avvocato riuscì ad ottenere una confessione dal bambino dopo avergli fatto prendere alcune sostanze dagli effetti strani. Così fece la richiesta di 20 milioni di dollari per non far divulgare la notizia. MJ, per mettere tutto a tacere, preferì pagare, ma subito si sparse la voce e iniziarono a nascere nuove accuse sempre più piccanti rilasciate ai giornali (che pagavano cifre sempre più alte).

Già quindi nel 1995, o comunque molto prima del processo, era risaputa l’innocenza di MJ, solo che in America pare ci sia un’ossessione per questo tipo di cose, anche se addirittura il 50% delle accuse per molestie su minori sono false! Comunque si preferisce credere a tutte le accuse, anziché credere nella verità.

2 commenti

Ieri, 19 luglio, oltre ad essere uscita in America la nuova raccolta di Jackson, è stato anche pubblicato sul sito ufficiale il documento con cui la giuria ha comunicato la non colpevolezza di MJ, scagionandolo da tutti i capi d’accusa.

Chi volesse leggere il documento, si può collegare al sito ufficiale http://mjjsource.com.

Lascia un commento

Ieri ho riportato la notizia pubblicata su "La Repubblica" che annunciava l’uscita della nuova raccolta di Michael Jackson. Il sito ufficiale però ancora oggi ha lasciato la notizia che il doppio cd sarebbe dovuto uscire il 19. Così, come tutti i giornalisti dovrebbero fare, sono andato a controllare nei negozi musicali. Prima di dire chi ha ragione, ho voluto vedere le prove (il caso giudiziario di MJ mi ha insegnato questo).

"La Repubblica" ha detto la verità: da ieri nei negozi italiani è disponibile la sua nuova opera. Però sui siti americani, non solo su quello di MJ, c’è scritto che deve uscire il 19. Forse in Europa è uscito prima e in America esce più tardi? Mi sembra strano, ma a quanto pare è così.

Lascia un commento

Su "La Repubblica" di oggi si parla della nuova pubblicazione di Michael Jackson: "THE ESSENTIAL MICHAEL JACKSON", due cd che contengono le migliori canzoni dal debutto fino al 2001 (il sito ufficiale, come ho già scritto, ha previsto l’uscita del doppio cd per il 19 luglio). In più, la settimana prossima dovrebbe uscire un dvd con la versione integrale del "DANGEROUS TOUR"

Poi, il giornale parla di problemi economici e giudiziari che sembra siano insormontabili. A parte questo, fa notare che da qualche anno non escono nuove opere inedite: vengono pubblicate nuove raccolte, magari migliorate, ma sebbene abbia un grande talento è un pò di tempo che non realizza cose nuove. Devo ammettere che è vero, l’ultimo successo è stato quello del 2001 "You rock my world", ma bisogna anche dire che da allora è rimasto impegnato con il processo che gli ha tolto tempo, denaro e forze. Perciò si deve tener conto anche di questo, e quindi dargli un pò di tempo per riprendersi.

 Perciò per nuove realizzazioni si deve aspettare un pò, e io spero che già dall’anno prossimo possiamo vedere Michael Jackson di nuovo all’opera con nuovi progetti e nuove canzoni.

1 commento

Dopo aver letto il commento di "emmedimarina", ho riflettuto sulle sue parole. Lei, come molti, ha acquistato gadjets e ritagliato giornali nel periodo d’oro di Jackson.
Io invece negli anni ’80 ero un bambino e sapevo solo che MJ era un cantante che aveva cambiato il colore della pelle. Negli anni ’90 ho dimenticato anche della sua esistenza. Poi è arrivato il 2001, e MJ è tornato ai vertici delle classifiche con "You rock my world", una delle mie canzoni preferite forse proprio perché per me rappresenta il ritorno all’attualità di un mito che consideravo del passato.
Infine c’è stato lo scandalo delle molestie che mi hanno fatto rimanere male, ma con l’inizio del processo ho capito che era innocente e aveva subito un torto, così mi sono schierato dalla sua parte e solo ora mi potrei considerare un fan.
Comunque è facile sostenere un cantante nel periodo d’oro della carriera e voltargli le spalle quando è in crisi. I veri fans sono quelli che sostengono il cantante anche quando in tanti gli vanno contro, o quelli che come me iniziano a sostenerlo proprio nel momento di crisi (soprattutto se accusato ingiustamente apposta per distruggergli la carriera).

Nel 1200, il periodo dei canti gregoriani, venivano creati sempre nuovi testi e venivano dimenticati quelli vecchi. I canti di 40 anni prima venivano proprio distrutti. Attualmente sembra che in molti vorrebbero fare una cosa simile con MJ, un’artista che tra altri 1000 anni ci invidieranno, e che ora in tanti vogliono mettere da parte.
Secondo me MJ non può essere considerato del passato.
I Beatles, Elvis e tanti altri, che sono degli anni ’60 o precedenti, anche se sono morti sono ancora popolarissimi. Celentano ha iniziato la carriera negli anni ’60, ma è ancora attuale.  Perché MJ, che è più recente di almeno 20 anni, deve essere considerato del passato?
Forse il periodo d’oro è passato, ma il cantante no, soprattutto se continua a pubblicare nuovi album e riscuote sempre molta attenzione dai mass media.

Older Entries