Tempo fa avevo annunciato la notizia di un’asta, programmata tra il 21 e il 25 aprile, in cui venivano messi in vendita 2000 oggetti presi dal Neverland Ranch, per un valore stimato tra i 1,5 e 3 milioni di dollari.
Negli ultimi mesi, Michael Jackson si era attivato per scongiurare quest’asta in cui, a quanto pare, erano stati messi anche oggetti presi a sua insaputa. Dopo vari ricorsi respinti e beghe legali, due settimane fa è stato diffuso il comunicato che l’asta è stata annullata. Michael Jackson e la casa d’aste Julien’s hanno raggiunto un accordo.
Gli oggetti, quindi, sono rimasti in mostra per il periodo previsto, cioè fino al 25, e poi dovrebbero essere stati restituiti a Michael Jackson.