E’ stato reso pubblico il testamento di MJ redatto nel 2002.
Michael diede queste disposizione: "Se i miei figli saranno ancora minorenni al momento della mia morte, nomino mia madre Katherine Jackson tutore delle persone e curatore del patrimonio dei suddetti minori. Se Katherine Jackson non sarà viva al momento del mio decesso, non volesse o non potesse svolgere questo copito, nomino in sua vece Diana Ross. Letto, approvato e sottoscritto da Michael Joseph Jackson. Los Angeles, 7 luglio 2002".

Sancisce, inoltre, che il patrimonio confluisca nel Michael Jackson Family Trust, che sarebbe composto da Katherine Jackson, i tre figli e alcune associazioni benefiche.
Viene esclusa volontariamente l’ex moglie Debbie Rowe dai beneficiari dell’eredità, e Joe Jackson, il padre di Michael, non è neanche nominato.
Si teme possa esistere qualche versione successiva, o possa essere presentato qualcosa del genere, e comunque si potrebbe assistere ad una battaglia legale per accertare la validità di questo testamento e per farlo rispettare.

Annunci