Se da un lato c’è il progetto This Is It, da cui la AEG sta tentanto in tutti i modi di trarre profitti, dall’altro lato c’è il Catalogo Sony/ATV, al quale sono interessate varie società finanziarie.
Il Catalogo Sony/ATV nacque nel 1995 da una partnership tra Michael Jackson e la Sony per gestire il catalogo delle canzoni dei Beatles che MJ aveva acquistato nel 1985 per 47,5 milioni di dollari. A questo catalogo sono state aggiunte decine di altri artisti, fino ad arrivare a raggiungere un valore stimato di 1 Miliardo di dollari.
La quota detenuta da Michael Jackson (ed ora dai suoi eredi) è del 50%, ed ha un valore di 500 milioni di dollari.
Ora, la Sony sembra voglia prendere il 25% della quota di MJ su cui aveva sottoscritto un’opzione nel 2006, quando MJ sfiorò la bancarotta finanziaria e la Sony prese in gestione il Catalogo. Su questa quota graverebbero però 300 milioni di debiti nei confronti di Barclays.
Ma anche altre società sembrano interessate alla sua quota: la Colony Capital (che è già co-proprietaria di parte di Neverland), la Kohlberg Kravis Roberts, la Plainfield Asset Management (che ha dei crediti nei confronti di Mijac, la società che detiene i diritti musicali di Jackson e che è valutata sui 10 milioni di dollari, ma potrebbe vedere un’impennata del suo valore con le vendite degli album).
Comunque, i legali che gestiscono il patrimonio di MJ hanno fatto sapere che la sua quota del Catalogo Sony/ATV non è in vendita.