Ieri è stata eseguita una seconda autopsia sul corpo di Michael Jackson, su richiesta della famiglia che non è rimasta convinta dai primi anatomo-patologi.
Secondo un articolo del Messaggero, il corpo è stato tenuto in una cella frigorifera sotto chiave, mentre il nuovo esame è stato eseguito in un laboratorio indipendente segreto, in modo da evitare intrusioni indesiderate.
Anche per queste seconde analisi tossicologiche occorreranno circa 6 settimane per avere i risultati.

Gli esami tossicologici dovrebbero permettere di sapere quali farmaci e in quali quantità sono stati somministrati a MJ prima della morte.

E’ stato detto che gli siano stati somministrati addirittura sette farmaci contemporaneamente.

Il medico personale, Conrad Murray, ha già ingaggiato un avvocato e un portavoce personale. Comunque, una volta rintracciato dopo la sua misteriosa scomparsa per 48 ore, è stato interrogato pare per tre ore. La sua portavoce, Miranda Sevcik, ha dichiarato: «Ha contribuito a identificare alcune circostanze relative alla sua morte e chiarito alcune incoerenze»…

L’ipotesi che viene ritenuta più plausibile è che il medico personale abbia somministrato dosi eccessive di medicine, provocando l’arresto cardiaco. L’avvocato di Murray, però, sosterrebbe che il dottore non avrebbe somministrato né il Demerol né OxyContin.
Le prime analisi hanno escluso l’ipotesi di infarto o per cause violente.

Per ora, però, molti punti restano oscuri e i dubbi su questa morte sospetta non si placano.

Ad ogni modo, Murray era stato ingaggiato da poco da MJ, anche se sembra che i due si conoscessero dal 2006. Risale al 15 giugno 2009 una lettera in cui si congeda dai suoi pazienti per annunciare che stava per intraprendere un nuovo progetto.
Stando alle notizie diffuse fin ora, "il suo studio nel Nevada, Global Cardiovascular Associates, ha riscontrato una perdita di 400mila dollari, secondo i documenti giudiziari, mentre il dottor Murray è coinvolto in almeno altri due processi e numerosi controlli fiscali"
Nonostante fosse stato ingaggiato solo qualche settimana fa, pare avrebbe dovuto seguire MJ per tutta la serie di concerti.

Ecco la trascrizione della telefonata al 911, quando sono stati richiesti i soccorsi.
– Voce Maschile: Abbiamo bisogno di una ambulanza al più presto.
– Centrale: Ok, dateci l’indirizzo.
– Voce Maschile: Abbiamo bisogno di una ambulanza al più presto.
– Centrale: Cosa è successo?
– VM: Abbiamo una persona che ha bisogno di aiuto. Non respira più. Non respira. Stiamo cercando di rianimarlo ma senza successo.
– Centrale: Quanti anni ha?
– VM: Ha 50 anni.
– Centrale: 50? Ok. È cosciente? Non respira?
– VM: Si, non respira.
– Centrale: Ok. E non è cosciente?
– VM: No. Non è cosciente.
– Centrale: Dov’è in questo momento? È sul pavimento?
– VM: È sul letto.
– Centrale: Mettetelo sul pavimento.
– VM: OK – Centrale: Mettetelo per prima cosa sul pavimento. Poi vi aiuterò con la rianimazione, OK? Abbiamo soccorsi già in arrivo. Cercherò di fare quello che posso per aiutarvi per telefono. Qualcuno si sta prendendo cura di lui?
– VM: Si, abbiamo un medico personale qui con lui.
– Centrale: Oh, avete un dottore quindi?
– VM: Si, ma non reagisce a niente. Non reagisce alla rianimazione o a niente altro.
– Centrale: Ok ma stanno arrivando. Se il vostro tizio sta già facendo la rianimazione o segue le istruzioni di un medico allora avete una autorità maggiore della mia. Qualcuno è stato testimone di quello che è accaduto?
– VM: No, solo il dottore. Il dottore è stato l’unico presente.
– Centrale: Così il dottore ha visto quello che è successo?
– VM: (Parlando nella stanza) Dottore avete visto quello che è accaduto?
– Centrale: Stanno arrivando. Sto trasmettendo le vostre risposte ai paramedici in arrivo. Stanno per arrivare…
– VM: Grazie. Lui (il dottore) sta premendo sul petto, ma non sta rispondendo a niente…
– Centrale: OK, OK. Stanno arrivando. Sono a meno di un miglio dalla vostra casa. Saranno là molto presto.
– VM: Grazie, grazie!
– Centrale: Ok, chiamate ancora se avete bisogno di ulteriore aiuto.

Oltre al massaggio cardiaco (stranamente sul letto invece che per terra), pare che il medico abbia effettuato anche un tentativo di salvataggio con "un’iniezione di adrenalina al cuore", come in Pulp Fiction (ne sconsiglio la visione per l’impressionabilità della sequenza).

Intanto, al Sunday Times, l’ex babysitter dei figli di MJ, Grace Rwaramba, ha rivelato che MJ in passato sarebbe stato sottoposto più volte a lavande gastriche in séguito ad eccessive assunzioni di farmaci.
mentre Marc Shaffel avrebbe dichiarato alla ABC News che MJ sarebbe stato "dipendente dal Demerol da piu’ di 20 anni" e "assumeva cocktail di altri farmaci tra cui l’Oxycontin".
Altre fonti ricordano altri casi in passato in cui MJ giunse addirittura al collasso da morfina sei anni fa, e la sua dipendenza da questi farmaci prevalentemente in séguito ai vari complotti che periodicamente lo avevano travolto e lo avevano visto vittima di ingiustizie pesanti (nel 1993, 2001, 2003, i più conosciuti).

Questo tipo di testimonianze, non si sa quanto affidabili, purtroppo continueranno a moltiplicarsi, sebbene appaiano in contrasto con le informazioni diffuse da chi stava lavorando direttamente con MJ al This Is It Tour.
Ma il rispolvero dei fatti del passato, le incongruenze e i dubbi sull’accaduto e il subdolo tentativo di giustificare questa morte e farla apparire quasi come naturale (nonostante sia già stato appurato che non lo sia) ricorda moltissimo il caso Pantani. Non vorrei che anche l’inchiesta finisca in un modo analogo…