Una delle notizie messe in risalto dai mass-media, è quella secondo cui Katherine Jackson dovrebbe ricevere 86’804 dollari al mese (presi dal patrimonio di MJ gestito anche da John Branca e John McClain) per occuparsi dei tre figli di MJ, di cui ha l’affidamento.
60’000 dollari è la somma specificatamente destinata ai bambini che verrà utilizzata per spese come le cure mediche, l’abbigliamento, e anche per pagare il personale domestico, la governante e l’autista.

Intanto, per quanto riguarda proprio MJ, l’ex manager Dieter Wiesner ha fatto alcune rivelazioni sul periodo precedente al 2006. Sembra che MJ stilò una lista delle persone che volevano distruggerlo.
Nella lista, apparirebbero i nomi di Uri Geller, Schmuley Boteach, il procuratore distrettuale Tom Sneddon, Janet Arvizo, Gloria Allred (che chiese indagini sulla sicurezza dei figli di MJ…), il discografico Tommy Mottola.
Wiesner ha diffuso anche la chiamata di MJ registrata sulla segreteria telefonica dell’allora manager, in cui MJ chiede aiuto, dichiara di sentirsi minacciato e di avere paura per la sua vita e per i suoi figli.
Ecco le dichiarazioni di MJ: "Dieter, sono Michael. Sono le 4:30 del mattino qui. Scusa, posso sembrare assonnato ma sono allo stremo delle forze. Per favore, prendi questo messaggio che ti ho lasciato molto seriamente perché sono molto preoccupato per la mia vita e per i miei figli, ho tanta paura. Sono preoccupato per noi, siamo perseguitati. Voglio essere in un altro contesto, voglio trovare un posto che mi piaccia…voglio andare via per un po’… Siamo fratelli, Dieter, dobbiamo restare uniti, non permettiamo al sistema di dividerci.
Non vogliamo morire sapendo di non aver ottenuto i nostri scopi, voglio morire sapendo di aver fatto tutto quello che volevo fare e a modo mio"
. (trad. mjjforum.it)
Ciò si aggiunge ed è un’ulteriore conferma delle dichiarazioni sulla minaccia che incombeva sulla vita di MJ già in quel periodo, come dichiarato anche da Jermaine e dal vecchio amico Dick Gregory.

Per quanto riguarda l’omicidio, poi, il dottor Arnold Klein ha fatto causa al dottor Steven Hoefflin accusandolo di diffamazione.
Il Dr. Hoefflin aveva dichiarato che fu Klein a fornire il Propofol a Murray e a istruirlo su come somministrarlo.
In risposta alla causa intentatagli contro, Hoefflin ha dichiarato che ci sono registrazioni e documenti che provano quanto lui ha affermato. Ha aggiunto: "Alcuni membri delle forze dell’ordine sanno che io sono in possesso di abondanti prove incriminanti [riguardanti la morte di Jackson] che faranno finire molte persone in prigione".
Ha aggiunto, inoltre che delle persone stanno lavorando con la polizia "per usare falsi documenti per minacciarmi, ostacolare le mie indagini indipendenti sulla morte di Michael e per fermarmi dal fornire prove alle autorità competenti."
Infine, torna ad accusare il Dr Klein e i suoi avvocati, dicendo che loro starebbero tentando di impedirgli di discutere le prove incriminanti che lui possiede sul Dr Klein.

Annunci