Seconda Udienza del Processo per l’Eredità di MJ


Come da programma, ieri c’è stata la seconda udienza del processo per il passaggio dell’eredità.
Tra i presenti:
– Billie Jean Jackson e Claire Elisabeth Fields Cruise: (altre) due donne che rivendicano la maternità dei figli di MJ.
– Katherine Jackson con l’avvocato Burt Levitch.
– Un legale a rappresentare la Columbia Pictures.
– Howard Weitzman, avvocato-tutore del patrimonio di MJ.

Ecco cosa si è deciso:
Il giudice Mitchell Beckloff
ha approvato che le forze dell’ordine, interessate ad alcuni documenti dell’AEG, contattino sia l’AEG che i tutori del patrimonio di Jackson per avere maggiori informazioni. Il giudice ha anche ordinato a Katherine di non parlare per ora degli accordi che c’erano con l’AEG, che comunque potrebbero essere usati in un procedimento non probatorio successivamente, secondo l’avvocato di Katherine.
La Columbia Pictures (Sony) è stata autorizzada dal giudice a produrre il film con i video delle prove di Michael Jackson per il This Is It Tour. Katherine Jackson si era detta favorevole alla richiesta della Columbia. (Sembra che il film potrebbe uscire nei cinema il 30 ottobre).

– Per quanto riguarda i tre figli di MJ, il giudice ha deciso di nominare Margaret Lodise (della società "Sacks, Glazier, Franklin & Lodise LLP) come tutore indipendente per rappresentare gli interessi dei tre minori, che sembra possano non coincidere completamente con quelli di Katherine Jackson e dei tutori del patrimonio di MJ.

Richieste:
Gli avvocati della Bravado (Universal) chiedono di poter procedere con la vendita del merchandising di MJ, dato che hanno già diversi compratori interessati ma, se non avessero sùbito l’autorizzazione, nel giro di poche settimane potrebbero perdere l’interesse. Per il merchandising, la Bravado ha un accordo con la AEG, ma Katherine Jackson si è detta contraria a tale accordo tra Bravado e AEG.
E’ stato sollevato anche il problema della vendita illegale del merchandising. Sembra, poi, che anche la Heal The World Foundation voglia vedersi riconosciuto il diritto di sfruttare il "marchio Michael Jackson" (?). Come è stato scritto su un articolo di "la Repubblica", lo sfruttamento di MJ ora rappresenta un affare da 500 milioni di dollari: questa è la cifra approssimativa che potrebbe fruttare annualmente la vendita di prodotti ("ufficiali"…) legati a MJ. Elvis attualmente rende "solo" 55 milioni di dollari l’anno.

La corte si aggiorna. La prossima udienza è fissata per Lunedì 17 agosto.

fonte principale: mjjforum.it
Annunci