Ieri si è svolta la celebrazione dei Grammy Awards, prestigioso evento musicale che ha visto in questi giorni una trattativa con Michael Jackson per una possibile apparizione.
La scorsa settimana però è stato rivelato che Michael Jackson non si sarebbe potuto esibire, visto che ormai il tempo non era più sufficiente per poter preparare delle nuove coreografie per stupire il pubblico.
Così, sono circolate varie altre notizie contrastanti: qualcuno si ostinava a pensare che, anche se ormai c’era stata la smentita, magari MJ si sarebbe esibito lo stesso… Altri invece hanno detto che sarebbe apparso sul palco, oppure tra il pubblico, altri ancora ipotizzavano l’invio di un video messaggio. Tutte teorie ricamate soltanto sul fatto che c’erano state delle trattative tra gli organizzatori dei Grammy Awards e Michael Jackson, trattative confermate ufficialmente dalla portavoce di Jackson, Raymone Bain.
Alla fine, come da smentita, Michael Jackson non si è esibito. La sua partecipazione non era stata confermata ufficialmente.
Quello che invece era stato detto ufficialmente dalla Sony e dagli organizzatori dei Grammys è che ci sarebbe stato un tributo all’album più venduto della storia, per celebrare i 25 anni dalla realizzazione di "Thriller". Tutto ciò era stato annunciato anche nelle pubblicità dell’evento, ma a sorpresa non c’è stato assolutamente nessun riferimento a tale album. Forse il tributo era solo un contentino nel caso in cui MJ fosse stato all’evento.
Comunque, anche se sapevano che MJ non avrebbe partecipato, hanno continuato ad usare il suo nome nelle pubblicità per attirare l’attenzione, ma una volta iniziati i Grammys ecco che il tributo è stato annullato e dimenticato.

Annunci